Roberto Coccia 7,83 Hz life energy • 7,49 Hz hearth energy
Menu
Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X

Come sappiamo e forse intuiamo, il nostro essere è incompleto, nel senso che solo la parte mentale
(quella non evoluta e superficiale) è ben strutturata e presente. Ciò perchè tutto intorno a noi punta
su questo aspetto. Nella nostra vita però, prima o poi diventa forte l' esigenza di cambiamento,
sia interiore che di pensiero... La musica è un mezzo che può aiutare a sentire quel che siamo in quanto
ci fa comprendere una diversa possibilità di vivere noi stessi, di come attraverso di essa le energie
si muovono e ci avvolgono. Energie che la mente razionale, per sua natura esclude, quando
invece ne siamo immersi e attraversati, e che se accolte, ci fanno essere in armonia con l' universo.

 

La musica come contatto con le energie universali. La musica che supera le barriere individuali
e ci fa accogliere da un mondo che ci appartiene ma a noi sconosciuto.
La musica che guarisce da pensieri e comportamenti controllati e non.
La musica come armonia con tutto l' universo.

Musigenetica e concerti

Andrea Diletti e Roberto Coccia:

Musigenetica e concerti: inizio collaborazione


Mysterium Aeternum punto Zero

Composizione per:

Centro Intuizia di Slavy Gehring

www.intuizia.com/


Heart energy

Nuova sorprendente frequenza

7,49 hz  frequenza del cuore (apertura del cuore)

...meraviglioso effetto profondo...

attua un lavoro bioenergetico straordinario


Musigenetica

Pubblicato nuovo album in Musigenetica

Trasformazione 1
(da negativo a positivo)
 

 


Space pioneer

...at work...

Il pianeta dimenticato

Terminato il grande lavoro dell'opera rock "Il pianeta dimenticato". Tre mesi di intenso lavoro tra composizione, testi, registrazioni, arrangiamenti, per quasi due ore di musica... Ora la palla passa a Max Santiglia, ai musicisti, coreografi ballerini e tutti i collaboratori a cui auguro un buon lavoro...
L'esperienza è stata per me altamente positiva e formativa sia a livello musicale che interiore. Ora rimane la realizzazione dell'opera, che sarà altrettanto impegnativa, ma l'esperienza darà frutti e bellezza. Un grande augurio a tutti di buon lavoro.
Il pianeta dimenticato siamo noi.
Roberto Coccia

Il pianeta dimenticato

Facebook