Roberto Coccia 7,83 Hz life energy • 7,49 Hz hearth energy
Menu
Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X

Frequenza della vita

La frequenza della vita deriva direttamente dagli studi scientifici di W. O. Schumann conosciuta come "Risonanza della Terra",.

È correlata con le onde cerebrali dell'essere umano (Alfa, Beta, Theta, Delta e Gamma).

Nello specifico, la frequenza di 7,83 hz, è la più adatta a un ambiente dove esiste vita.

Infatti, vivere in questo habitat elettromagnetico naturale, non solo sviluppa intelligenza e completa armonia con l'ambiente circostante,
ma a livello fisico aumenta le difese immunitarie, diminuisce l'assorbimento di sostanze tossiche e risultano meno sensibili gli effetti dannosi dell'elettrosmog.

(La frequenza di registrazione adottata, ha origine  dalla frequenza base di 7,83 hz)

 

Gli antichi, avevano scoperto e sperimentato, il potere curativo del suono, della vibrazione. Per loro, questo misterioso potere, era un segnale del "Divino".
Infatti, comunicare attraverso di esso, permetteva di penetrare più a fondo nella natura divina degli esseri viventi (compresi animali e piante).
Personalmente, ho sempre avuto sentore, che i nostri gesti abbiano in sé energie che noi non consideriamo, non sappiamo percepire,
perché troppo materialisti e pragmatici. La cultura generale, si ferma ai cinque sensi.
Devo dire, che non la penso così, le energie ci circondano, ci attraversano, ci influenzano continuamente, e noi purtroppo non ce ne rendiamo conto,
dando tutte le spiegazioni dei nostri malesseri, sia fisici che emotivi, a ciò che ci indottrinano mass media, ed operatori (non tutti però), interessati più al loro "benessere" che a quello degli altri.
Ora tornando alla Musica, da parecchi anni, soprattutto da dopo la seconda guerra mondiale in poi, essa è stata sempre più relegata a mero divertimento, sottofondo, insomma ha perso la sua vera essenza ed importanza.
Ciò anche per volere di poteri nascosti, ben consapevoli della forza influente risvegliante e guaritrice della musica ?
La musica cura, sembra strano, anzi suona strano, (giocando con le parole) ?
Eppure è così, dal mio lungo passato di compositore, ho attraversato vari linguaggi musicali, dai lavori che svolgevo e svolgo per le TV  (da quella di stato alle private), ho sperimentato sonorità ed emozioni diverse, dal medioevo all’elettronica, alla classica, al folk, al popolare, ecc., giungendo all’oggi, in cui svolgo una ricerca molto intensa sulla nostra Anima, sulle energie, sull’influenza delle vibrazioni su di noi (noi siamo vibrazioni, in assenza di suono, noi non ci saremmo).
Però, non basta "fare" musica, essa deve derivare dall’energia creatrice stessa, in poche parole, deve essere ISPIRATA.
Quindi, ciò vuole dire che purtroppo c’è n'è molto poca, quasi nulla. I motivi sono sempre gli stessi, che ho scritto sopra, il troppo materialismo, ci impedisce (compresi gli artisti) di percepire le energie chiuse dentro di noi, che sono il contatto con l’energia creatrice.
Ultimamente ho studiato e sperimentato frequenze di suono, appropriate con la frequenza-della-vita frequenza stessa della vita (7,83 hz), e devo dire che tale approccio, supportato anche da varie testimonianze di ascoltatori, è risultato veramente indirizzato nella giusta direzione.
L’ambiente circostante, noi stessi, gli oggetti, ne risultano Influenzati, l’Essere, si trova come unito, legato con tutto, staccandosi finalmente da quella mente concettuale, che tutto vuole tenere sotto controllo, (illusione, perché non ci riuscirà mai per sua natura).
Tutto questo è meravigliosamente reale, riscoprire l’importanza della musica, il potere curativo, è veramente entusiasmante, e questo, facendolo con musica Ispirata, non con freddi suoni mentali e scientifici.